In Astrologia la Luna rappresenta le nostre emozioni, è un aspetto importante del tema natale che ci indica molto di come siamo fatti. Conoscere i meccanismi delle nostre risposte emotive ci aiuta a controllarle e a inquadrarle in un contesto oggettivo permettendoci di non subirle né lasciarci trascinare.
Nella sua estrema variabilità la Luna riesce a mantenere un costante mistero, l’abbiamo già vista, la conosciamo, ma al tempo stesso è sempre nuova, mai uguale a prima. Anche le emozioni che si muovono in noi sono qualcosa di noto all’esperienza ma ogni volta ci sorprendono e nessuna strategia ci permette di prevenire il loro influsso, come la Luna sono veloci e mutevoli e sorgono nel nostro cielo interiore colorandolo della loro luce per tutto il tempo previsto dalla loro elaborazione.
Le emozioni, seppure cosi vicine e evidenti, restano imperscrutabili, ci offrono un loro profilo molto chiaro oltre il quale è quasi impossibile andare, anche con una rigorosa analisi introspettiva è complicato affacciarsi sul loro lato nascosto. Come per il mai fotografato lato oscuro della Luna anche riguardo alle emozioni nessuno può vedere con chiarezza quali sono gli istinti o le convinzioni profonde che danno vita alle risposte emotive. Per questo motivo i filosofi raccomandano il controllo delle passioni, ovvero l’intervento moderatore continuo sugli aspetti più evidenti delle emozioni, mentre l’indagine sulle loro cause prime è trascurata. Un vero dominio su di sé però non può limitarsi all’imperturbabilità di fronte a una luce tanto affascinante, chi vuole conoscersi veramente dovrà saper decifrare il meccanismo che la genera.
Resistere all’incantesimo della Luna è una grande prova che dopo essere stata affrontata e superata dovrà lasciare il posto alla consapevolezza dei processi che lo formulano, questa consapevolezza eliminerà ogni sforzo nel nostro rapporto con le emozioni e anzi ci permetterà di goderle senza esserne sottomessi.